Pubblicato il Lascia un commento

OGGI 9 MARZO 2020 ore 8.30

Prima di pensare a come allenarmi dovo pensare a come LIMITARE I DANNI DI QUESTA RESTRIZIONE FORZATA….

Vi propongo 3 giorni per disintossicare il nostro organismo

GIORNO 1

Colazione
 yogurt di soja250ml
 frutti di bosco 100g
Spuntino
 Arancia1
 Mandorle10
Pranzo
 Fagioli, bolliti70g
 riso integrale70g
 insalata verde100g
 Carote200g
 semi di girasole10g
 condire con extraverginepoco
Merenda
 mela sbucciata1 media
 Sedano2 gambi
 Noci4/5
Cena
 Ceci, bolliti70g
 finocchi lessi1
 zucchine lesse2
 semi di girasole 10g
 condire con extravergine poco

GIORNO 2

Colazione
  latte di riso o soja 250ml
 fragole10/15
Spuntino
 Pompelmo1
 Noci6/7
Pranzo
  Fave, bollite 70g
 farro70g
 rucola50g
 rape rosse200g
 semi di papavero10g
 condire con extraverginepoco
Merenda
 pera con buccia1 media
 carote2
 mandorle 10
Cena
 trancio di salmone al forno70g
 radicchio rosso stufato (no vino)1
 patata lessa2 piccole
 semi di chia 10g
 condire con extravergine poco

GIORNO 3

Colazione
  yogurt di soja250ml
 more15/20
Spuntino
 kiwi1
 Arachidi6/7
Pranzo
 piselli70g
  Quinoa, cotta 70g
 rucola50g
 melanzane ai ferri200g
 semi di lino10g
 condire con extraverginepoco
Merenda
 cedro1 media
 prugne secche2
 pistacchi10
Cena
 uova sode2 albumi e 1 tuorlo
 valerianaa piacere
 polenta 3 cucchiai
 parmigiano o grana20g
 condire con extravergine poco

Pubblicato il Lascia un commento

Dieta Disintossicante

Forse è la decisione del tuo nuovo anno di rimettersi in forma, andare in PALESTRA ed essere più sani! iniziamo dalla disintossicazione ?

Che cos’è una disintossicazione?

Le diete disintossicanti – note anche come diete detergenti – sostengono di pulire il sangue, il sistema digestivo ed eliminare le sostanze tossiche dal corpo. Quasi come premere un pulsante di ripristino e svegliarti con un corpo nuovo.

Ci sono dei benefici nella disintossicazione?

Non sono state condotte molte ricerche scientifiche sulla diete disintossicante, ma alcuni studi suggeriscono benefici come un miglioramento della pelle, una migliore digestione e perdita di peso. La prima cosa da fare è l’eliminazione di alcol, alimenti trasformati e zuccheri raffinati . Inoltre, hai un alto apporto di vitamine e minerali da frutta e verdura, che potresti aver perso prima.

La dieta disintossicante è in genere poco calorica, il che spiega la perdita di peso.

Torniamo alla meraviglia che è il corpo umano – e il motivo per cui non è necessario disintossicarsi questo gennaio (o in qualsiasi momento).
A partire dai reni – questi due organi in forma di fagiolo possono essere piccoli, ma le loro funzioni vitali ci sono letteralmente in vita.

I RENI SONO I PRIMI ORGANI A TRARNE VANTAGGIO!

Che funzioni svolgono i reni?

• Mantengono l’equilibrio dei fluidi. Assorbono dal sangue acqua, glucosio, sodio, potassio e cloruro. Il risultato finale è un fluido diluito contenente urea (un sottoprodotto tossico della scomposizione proteica) che viene quindi escreto nelle urine.

• Rimuovono i materiali di scarto introdotti con gli alimenti e farmaci

• Producono ormoni che assistono la produzione di globuli rossi, regolano la pressione sanguigna e mantengono in saluto le ossa.

In seconda battuta i benefici si manifestano anche al fegato il quale lavora in team con pancreas, intestino e cistifellea per l’assorbimento dei principi nutritivi necessari.

Che funzione ha il fegato?

•  Il fegato produce giornalmente circa un litro di un liquido vischioso, di colore giallo-rossastro che all’aria diventa verde, di sapore amaro, chiamato bile. La bile, inviata nel primo tratto intestinale (duodeno), emulsiona i grassi, cioè li scompone in goccioline piccolissime; favorisce le contrazioni muscolari dello stomaco e dell’intestino (= movimenti peristaltici). Tra un pasto e l’altro, la bile si raccoglie in una vescichetta, denominata cistifellea, dalla quale poi si riversa nel duodeno durante il processo digestivo.
– Il fegato trasforma le sostanze alimentari assorbite in zuccheri che vengono immagazzinati e poi immessi nel sangue e trasportati nei muscoli per produrre energia.
– Il fegato svolge un’efficace attività disintossicante dell’organismo. Ogni giorno infatti neutralizza numerose sostanze tossiche che sono poi eliminate mediante la bile o i reni.

• produce proteine ​​essenziali per la coagulazione del sangue e la regolazione della pressione sanguigna

Conclusione

Ricorda, tutti i benefici della dieta disintossicante possono essere ottenuti bevendo più acqua, eliminando l’alcool, riducendo gli alimenti trasformati e aumentando l’assunzione di frutta e verdura come parte di una dieta equilibrata.

Pubblicato il Lascia un commento

Perdere peso aumentando le PROTEINE ed evitare errori

Rimuovere i carboidrati dalla propria dieta e favorire proteine e grassi è uno dei metodi più semplici per perdere peso. Alimentandosi prevalentemente con cibi integrali e naturali, stando attenti a mantenere il giusto rapporto tra proteine, carboidrati e grassi, si può accelerare il processo della lipolisi e preservare la massa muscolare migliorando così la composizione corporea.

Mangiare più proteine e grassi è anche un metodo efficace per migliorare la propria salute. Nonostante ciò, ci sono molti errori che vengono commessi seguendo una dieta proteica e che possono avere conseguenze negative sul corpo.

Le diete proteiche sbilanciate possono prevenire la perdita di peso, causare squilibri ormonali, provocare l’infiammazione cronica o avere altre conseguenze più disastrose che danneggiano la salute. Ecco quindi alcuni degli errori tipici:

Consumare troppe proteine con l’obiettivo della CHETOSI

Le diete iperproteiche sono ideali per ridurre il grasso corporeo perché aumentano la sazietà, riducono l’appetito e preservano la massa muscolare durante la perdita di peso. Quando però si consumano più proteine di quelle che il corpo necessita, parte degli aminoacidi delle proteine ingerite viene convertita in glucosio tramite la gluconeogenesi. Questo riduce la capacità del corpo di bruciare i grassi e blocca la perdita di peso.

Problemi intestinali a causa di una dieta ricca di proteine animali e povera di fibre insolubili

La flora batterica intestinale vive di quello che mangi. Le persone che consumano per lo più proteine animali e limitano frutta e verdura, ingeriscono poca fibra. Una dieta povera di fibra e ad alto contenuto di proteine animali provoca malattie infiammatorie intestinali. Dopo aver mangiato proteine animali i batteri intestinali patogeni (cattivi) promuovono la formazione di placche che irrigidiscono le arterie.
La soluzione: Per migliorare la salute dell’intestino bisogna consumare una ricca varietà di frutta, verdura e cibi ricchi di probiotici come i krauti, il miso e lo yogurt Greco.

Infiammazione cronica da un alto apporto di grassi e proteine

Le persone che consumano molte proteine hanno in generale una maggiore quantità di tessuto magro e meno grasso corporeo. Il consumo di 10 grammi di aminoacidi essenziali ad ogni pasto è associato ad una minore quantità di grasso viscerale. Riducendo i carboidrati e aumentando le proteine si possono però avere anche effetti negativi se non si tiene alto il consumo di frutta e verdura.

Introdurre verdure ricche di antiossidanti e povere di carboidrati come i broccoli, la bieta, la rucola, i cavolini di Bruxelle, i peperoni, gli asparagi, gli spinaci.. Se il vostro piano alimentare vi permette di consumare qualche carboidrato in più, aggiungete della frutta come i mirtilli, le ciliegie, i lamponi, le more, il melograno, il kiwi e l’uva.


Non abusare dei grassi buoni

L’olio di pesce è un altro tipo di grasso che porta benefici al corpo, il che però non significhi che se ne possa abusare. Le persone inconsciamente ingeriscono troppi Omega-3 consumando il pesce grasso più di due volte a settimana, assumendo gli integratori di Omega-3 e mangiando troppi cibi arricchiti con omega-3 come le uova e l’olio di oliva per citarne un paio.

Tutto ciò causa la disfunzione del sistema immunitario lasciando il corpo vulnerabile a infezioni e malattie. L’ossidazione degli Omega-3, ad esempio a causa di una cottura eccessiva oppure a causa della scarsa qualità dell’olio di pesce, causa non solo la perdita delle proprietà nutritive ma è dannosa per la salute.

Zuccheri nel sangue alti nonostante il basso consumo di carboidrati

Le diete povere di carboidrati possono migliorare nettamente il livelli degli zuccheri nel sangue e dell’insulina nelle persone che soffrono di insulino resistenza e diabete. Ingerire dei carboidrati ogni 5-7 giorni mantiene le cellule sensibili all’insulina, e il cervello risponde alla leptina e in questo modo previene gli attacchi di fame.

Il problema però sorge quando gli sgarri sfuggono di mano e gli eccessi si ripetono frequentemente. Un solo pasto alla settimana fuori regime non compromette nulla anzi serve al corpo per non perdere la capacità di metabolizzare gli zuccheri.

Un carico acido cronico che degrada il tessuto magro

Consumando proteine animali, latticini e cereali porta alla formazione di acido nel corpo. Al contrario, mangiare frutta e verdura porta alla produzione di bicarbonato che alcalinizza il corpo neutralizzando l’acido.

Nelle persone sane con organi ben funzionanti e che consumano quantità decenti di frutta e verdura il carico acido non rappresenta alcun pericolo. Con l’età però il problema può sorgere soprattutto a causa del declino della funzione dei reni. Lo stesso vale se la vostra dieta è ricca di grassi e proteine e povera di alimenti vegetali. Il corpo in questi casi cerca di neutralizzare l’eccesso di acido cannibalizzando la massa muscolare e le ossa.